Il rilancio del turismo italiano passa da diverse strade e una di queste riguarda sicuramente il ramo artistico, visto che nel belpaese è presente un patrimonio culturale senza eguali nel mondo. Per questo recandosi a Bologna dal 31 maggio al 2 giugno si terrà la XVII Borsa del Turismo delle 100 Città d’Arte d’Italia, realizzato con lo scopo di creare un marchio unico capace di promuovere il territorio nel suo insieme. Quello della promozione del territorio è uno dei temi principali su cui lavorare, visto che in questo campo l’Italia sta perdendo importanti posizioni.
L’evento è stato presentato a Roma, presso la sede Enit, dall’assessore al Turismo Nadia Monti, dalla Confesercenti Emilia Romagna e dal presidente di Enit Pier Luigi Celli. Sarà l’occasione per favorire lo sviluppo e la crescita per diverse imprese, mettendo a disposizione quello che è il capitale artistico della nazione.
L’evento si svolgerà presso il Palazzo Re Enzo, con costi di iscrizione decisamente accessibili per far si che ne prendano parte quanti più soggetti possibili, soprattutto piccole e medie imprese. La tariffe prevedono infatti 150€ per il singolo partecipante, ingresso gratuito per il secondo e 80€ dal terzo in poi.
La Borsa del Turismo delle 100 Città d’Arte d’Italia è stata realizzata con il preciso scopo di diffondere la conoscenza del territorio e del paesaggio italiano, puntando su quella che è l’unicità che contraddistingue regioni, città, paesi e borghi. Tra gli obiettivi ci sono quelli di creare circuiti integrati che mettano in comunicazione tutto quello che un territorio ha da offrire per quanto riguarda architettura, urbanistica, musei, cultura ed enogastronomia.
L’obiettivo non è certo semplica vista la crisi italiana, ma il ricchissimo programma di eventi ed esposizioni punta ad aprire agli operatori del settore sulle possibilità offerte da nuove tecnologie e tecniche innovative. Saranno per questo presenti diversi tour operator mondiali e numerosi stand dove prendere contatti e scambiarsi prezione informazioni.