Nello spazio delle tre giornate di Armonica Soiree, venerdì 16, sabato 17 e domenica 18 settembre, si potranno ascoltare a Bologna alcune delle più interessanti proposte folk, blues, jazz e rock che vedono protagonista l’armonica a bocca.

ARMONICA SOIRÉE, organizzato dall’associazione Black in Bo, fa parte di bè #bolognaestate 2016, il cartellone di attività promosso e coordinato dal Comune di Bologna e si avvale del contributo della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna.

Nella Anteprima di venerdì 16 nello Spazio & Coworking Creativo di via Guerrazzi 1 in Bologna, il Festival verrà introdotto da una audio-video-lezione di Gianandrea Pasquinelli, anatomo-patologo dell’Università di Bologna con la passione dell’armonica, seguirà un concerto folk del Trio Insolito con la partecipazione dell’armonicista parmense William Tedeschi, pluri-campione del mondo sullo strumento, del chitarrista Nicolò Scalabrin e di Pierluigi Caputo ai tamburi.

Sabato 17, i concerti al Giardino Davide Penazzi, con ingresso da via della Torretta 12/5 (sotto il ponte di via Libia), in collaborazione con l’Associazione Serena 80, saranno preceduti alle 17 dal seminario di Claudio De Simone, artigiano apprezzato in tutto il mondo per la qualità dei prodotti per armonica; alle 21 preceduti dal duo roots Blue Devils, si esibirà il trio Rhythm Junks, una delle più note e celebrate formazioni Roots Indie del Belgio per rendere tributo a Toots Thielemans. La band, fondata dal cantante e armonicista Steven De Bruyn, testimonial della Hohner, la più nota fabbrica di armoniche del mondo, e da uno dei più importanti batteristi jazz-swing europei Tony Gyselink ha suonato in prestigiosi festival, quali North Sea Jazz, Blue Note Festival Gand, JZ International Jazz Festival di Shanghai, BBW Fukuoka.

Domenica 18 si partirà alle 17 con il seminario del marsigliese Marko Balland, esponente di punta dell’armonica rock europea, che spiegherà l’utilizzo dei pedali e degli effetti specifici per armonica coadiuvato dal chitarrista Nasser Ben Dadoo; il concerto serale verrà aperto dai BluexLab Stompers; Max Manganelli, universalmente noto per i prodotti BluexLab, e Marcello Convertini proporranno una carrellata di blues acustici senza tempo. A chiudere il festival gli Armonauti, unico trio di armoniche italiano. Reduci dai recenti successi estivi del Festival di Hsinghu e della Notte della Taranta, i tre eclettici musicisti, Gianluca Caselli (armonica basso), Gianni Massarutto (armonica diatonica) e Gianandrea Pasquinelli (armonica accordi), si affiancheranno al polistrumentista Andrea Fiore e a diversi ospiti (Andreino Cocco, Roberto Menabò, Paolo Santini, Pierluigi Caputo, Guido Poppi) per presentare un nuovo progetto incentrato sul proto-jazz, il rag time, ritmo binario sincopato, che ha contribuito alla formazione del jazz. Una opportunità unica per ascoltare l’antica musica da ballo dei quartieri a luci rosse di Saint Louis e New Orleans della fine del XIX secolo.

Info e contatti: Gianandrea Pasquinelli, gianandr.pasquinelli@unibo.it, 3495709094;
armonicasoiree.blogspot.it
https://www.facebook.com/events/625370337619727/
www.bluestime.it

PROGRAMMA

  • 16 settembre Prefestival – Spazio & via Guerrazzi 1 Bologna
    • ore 20 L’armonica e i suoi protagonisti: audio-video-lezione a cura di G. Pasquinelli (Unibo)
    • ore 21 William Tedeschi & Trio Insolito con Pierluigi Caputo (concerto Folk)
  • 17 settembre Armonica Soireè – Giardino Davide Penazzi Via della Torretta 12/5 (sotto il ponte di via Libia)
    • Ore 17 Claudio De Simone (Blues), seminario sulle tecniche di base e avanzate della armonica diatonica
    • Ore 21 Blue Devils (Roots Americana)
    • Ore 22 Steven de Bruyn Rhythm Junks (Roots Indie; Belgio)
  • 18 settembre Armonica Soireè – Giardino Davide Penazzi Via della Torretta 12/5 (sotto il ponte di via Libia)
    • Ore 17 Marko Balland e Nasser Ben Dadoo (Rock, Francia), seminario sulla Tecnologia al servizio dell’armonicista moderno
    • Ore 21 BluexLab Stompers (Blues)
    • Ore 22 Armonauti Circus e Andrea Fiore con Ospiti (Old time music)