La pièce di teatro danza della compagnia Teatro dei Servi Disobbedienti arriva a Bologna, al Teatro Ridotto, sabato 30 aprile 2016.

La pièce di teatro danza Fimmina Morta è un’amara e poetica riflessione sull’industrializzazione. Protagonista è Brucia, un’anima frammentata e irrequieta, imprigionata in una dimensione sospesa tra conscio e inconscio, apparentemente senza possibilità di salvezza. È l’amore per Orazio che la spinge a liberarsi e la trascina in un vortice di bellezza e di armonia in cui essa ritrova, seppure per un attimo, la felicità. Ma Brucia è incapace di amare realmente qualcuno, perchè prima di tutto è incapace di amare se stessa, non vede la sua bellezza e non crede possibile un cambiamento. Brucia è una donna, è una città, è una comunità soffocata dall’industrializzazione malata, miope e corrotta che ha impedito qualsiasi altra forma di sviluppo, chiudendo ogni orizzonte al suo sguardo. La città che ha ispirato la pièce è Gela, una città della Sicilia che da cinquant’anni custodisce in sé un enorme cancro: lo stabilimento petrolchimico, il Mostro, come lo chiamano i suoi cittadini.

Video promo:

Regia di Federica Amatuccio
Testi di Luigia Ferro e Martina Libertà tratti da “Nostra Signora dei Tarocchi”

Cast:
Sara D’Angelo – cantante, attrice
Francesca Lateana – cantante, attrice
Valeria Iudici – danzatrice, attrice
Antonio Bissiri – danzatore, attore
Andrea Gianessi – chitarrista

Federica Amatuccio – regia, scenografia
Andrea Gianessi – musiche e sound design
Pascal Amatuccio – light design
Davide Ricchiuti – regia video
Daniele Bisceglia – foto e riprese
Martina Mondello – costumi

—-

Teatro Ridotto, Via Marco Emilio Lepido, 255 (Lavino di Mezzo), 40132 Bologna

Ingresso intero 10€ / ridotto 8€ (studenti, tessera Arci, YoungERcard, Carta Doc, Socio Coop).

si consiglia la prenotazione:
051 402051 – 333 9911554 – 349 7468384
teatroridotto@gmail.com

 
—-

Il Teatro dei Servi Disobbedienti nasce a Bologna nel 2013. Nel luglio la compagnia debutta a Certaldo al Mercantia – Festival Internazionale del Teatro di Strada, con lo spettacolo «Gocce di Splendore». Nel 2014 realizza la produzione di «Fimmina Morta», pièce di teatro danza che debutta il 10 Ottobre 2014 al Teatro Comunale Eschilo di Gela e il 16 dello stesso mese al Teatro Comunale Beniamino Joppolo di Patti. Nel 2015 ha inizio la produzione di due nuovi spettacoli: «Marì», pièce di teatro danza,«Mille modi per crepare in montagna», una commedia macabra su testo di Boris Vian in prima traduzione italiana che debutta con un sold-out a Bologna alla Cava delle Arti il 13,14, 15 novembre 2015. Nel luglio 2015 la compagnia vince un bando dell’ERT – Emilia Romagna Teatro per una residenza artistica realizzata poi a settembre presso gli spazi attrezzati di Villa Pini a Bologna.