In auto alla scoperta di Bologna e dei suoi dintorni

Bologna è una città sospesa nel tempo in cui a volte gli anni sembrano non passare. Tra vicoli medievali e botteghe deliziose, il capoluogo emiliano è il perfetto esempio di ciò che di solito si definisce come città a misura d’uomo, vuoi per la sua cucina a cui è difficile resistere, vuoi per i suoi monumenti. Prendere a noleggio un’auto può essere uns buona idea per ammirare il meglio della città felsinea e muoversi liberamente tra le bellezze dei suoi dintorni.

Prendere una macchina a noleggio a Bologna

Per essere certi di noleggiare un’auto al miglior prezzo è sufficiente fare riferimento al sito www.easyterra.it, un comparatore delle tariffe che vengono proposte dalle società di car renting, permette di trovare il veicolo di cui si ha bisogno al prezzo più basso. Il portale mette a confronto i prezzi e restituisce i risultati agli utenti, a cui bastano pochi clic per individuare l’offerta più conveniente in base alle proprie esigenze: il numero di passeggeri, la durata del noleggio, il tipo di tracciati che dovranno essere affrontati, e così via. Ovviamente a Bologna e dintorni non ci sarà bisogno di un fuoristrada, ma l’assortimento di veicoli a disposizione è così ampio da assecondare ogni necessità.

Loiano

Non serve un fuoristrada ma il territorio che circonda Bologna è comunque collinare. Sono sinuose ma piacevoli le strade che dalla campagna portano fino all’Appennino Bolognese, dove vale la pena di fermarsi a Loiano, celebre per l’osservatorio astronomico che ospita: si tratta, infatti, del secondo telescopio più grande del nostro Paese (il primo è quello di Asiago), situato sul monte Orzale. Un’altra meta da visitare nei dintorni è Porretta Terme, che può essere scelta come punto da cui partire per qualche escursione tra i boschi. A proposito di trekking, gli appassionati ben conoscono la Via del Pane, che segue le Cinque Valli dell’Appennino Bolognese sul tracciato che conduce a Firenze.

Una tappa a Modena

Non è molto lontana da Bologna la città di Modena, che si presenta come una culla di cultura e arte nel bel mezzo della Pianura Padana. Uno dei monumenti più noti è il Duomo, realizzato in stile romanico e affiancato da un imponente campanile – noto con il nome di Ghirlandina – realizzato nel 1179. La storia curiosa di questa torre campanaria è che essa fu rialzata a distanza di anni dalla data della sua costruzione per vincere la competizione con le torri bolognesi. Il Duomo, la Ghirlandina e Piazza Grande oggi fanno parte dell’elenco dei patrimoni mondiali dell’umanità protetti dall’Unesco.

Visitare Ferrara

Per andare da Bologna a Ferrara ci vogliono non più di tre quarti d’ora di macchina: un percorso accettabile per regalarsi l’oppotunità di visitare, tra l’altro, la Chiesa di San Francesco di Biagio Rossetti e la Cattedrale di San Giorgio, impossibile da non notare per effetto del marmo bianco della sua facciata. Il monumento più rappresentativo, però, è il Castello Estense, che rievoca la storia di quando tra il bass Medio Evo e il periodo rinascimentale la città di Ferrara era un punto di riferimento artistico e letterario.

Che cosa mangiare

Un tour nei dintorni di Bologna non può che essere anche un tour gastronomico, viste la varietà e la quantità di proposte culinarie tipiche in cui ci si può imbattere da queste parti. Per qualche giorno, dunque, è consigliabile accantonare i buoni propositi di dieta per gustare i tortellini e le tagliatelle, ma anche le lasagne con il ragù. Osterie e trattorie si susseguono per i più golosi, e non vanno dimenticati i tanti vini locali con i quali innaffiare ogni pasto, all’insegna della buona cucina ma – soprattutto – della convivialità e del piacere di mangiare in compagnia.