All’Outlet di Castel Guelfo è di scena la Romagna del vino

Per tutto il mese di maggio, il Consorzio Vini di Romagna dà vita a un free temporary tasting grazie alla collaborazione di 16 associate

«La situazione pandemica non ancora regolata, ci impedisce al momento una programmazione puntuale nazionale e internazionale, stiamo perciò concentrando i nostri sforzi sulla pianificazione di attività a medio-lungo termine, non facendoci però scappare ogni valida occasione per comunicare e promuovere i nostri vini.». Queste le parole di Ruenza Santandrea, presidente del Consorzio Vini di Romagna, a commento dell’attività che per tutto il mese di maggio vedrà il Consorzio dar vita al temporary tasting “È di scena la Romagna del vino!” al Castel Guelfo – The Style Outlet.

Fino al 28 maggio, dal martedì al venerdì fra le 17 e le 20, all’Outlet sarà dunque possibile degustare gratuitamente – nel pieno rispetto delle regole di prevenzione alla diffusione del Covid-19 – una selezione di vini romagnoli messi a disposizione da 16 aziende associate al Consorzio, per una cinquantina di etichette complessive. In ogni appuntamento, con il servizio di sommelier AIS, saranno in assaggio 6 etichette di varie tipologie della produzione DOP e IGP romagnola accompagnate dall’illustrazione di quella che è la cultura del vino in Romagna, grazie anche alla presenza di un produttore a turno, che non mancherà di far assaggiare anche altri dei propri vini.

Al termine della degustazione-incontro, ai visitatori verrà consegnata una cartolina-coupon che darà diritto a uno sconto del 10% per acquisti di vino presso una delle 16 cantine aderenti.

Le aziende coinvolte sono: Bandini Marco di Castel San Pietro Terme; Poderi Delle Rocche di Dozza; La Palazzona di Maggio di Ozzano Emilia; Caviro, Fattoria Zerbina e Poderi Morini di Faenza; Tenuta Masselina di Castel Bolognese; Tenuta Uccellina di Russi; Terre Cevico di Lugo; Celli e Podere Baratta di Bertinoro; Poderi Dal Nespoli di Civitella di Romagna; Tenuta Casali di Mercato Saraceno; Tenuta Colombarda e Zavalloni Stefano di Cesena; Fattoria Poggio San Martino di San Giovanni in Marignano.

CONDIVIDI SU: