Mercato di Mezzo

Home Lifestyle Food & Drink Mercato di Mezzo...
0 3 Commenti

Il Mercato di Mezzo è uno dei luoghi più storici e rappresentativi della cultura del cibo bolognese. Si trova a due passi da Piazza Maggiore e dalle stradine delle pescherie vecchie del mercato: fin dal Medioevo è stato questo il luogo dei sapori e dell’incontro, del commercio, della memoria e della tradizione gastronomica della città. Trasformato, dopo l’Unità d’Italia, nel primo mercato coperto della città, è stato oggetto nel 2014 di un importante progetto di recupero e riqualificazione.

La struttura si articola su tre piani, ed è uno spazio dove acquistare o consumare sul posto prodotti enogastronomici e piatti di eccellenza:

  • Al piano terra si trovano grandi e piccoli tavoli di uso comune ed i chioschi alimentari, collocati nelle nicchie laterali come nella pianta ottocentesca: carne, pesce, salumi, formaggi, frutta, pane, pasta, gelati e pasticceria, vini.
  • Al primo piano si trova la pizzeria di Eataly “Rosso Pomodoro“.
  • Al secondo piano, tra suggestive volte a botte, puoi degustare una fresca birra artigianale, con ulteriori tavoli e sedute del ristorante annesso.
Mercato di Mezzo

Il primo piano del Mercato di Mezzo con i tavoli che ospitano la pizzeria “Rosso Pomodoro”.

Su via Clavature, accanto all’ingresso della Chiesa di Santa Maria della Vita, offre anche gradevoli tavolini e sedie all’aperto. Il Mercato di Mezzo è aperto sette giorni su sette, dalle 8,30 fino a mezzanotte, e propone spesso appuntamenti di degustazione e incontri legati alla cultura del cibo.

Come arrivare al Mercato di Mezzo

in bus: linee e orario sul sito www.tper.it
in auto: situato in zona a traffico limitato ZTL. Uscite tangenziale più vicine n. 11/11bis-12 direzione centro.

Orario di apertura

Aperto tutti i giorni dalle 9 a mezzanotte.

CONDIVIDI SU:
Sezioni:
Programmatore e web designer per lavoro, da sempre ho amato viaggiare ed esplorare culture e tradizioni di tutto il mondo. Ai tour organizzati preferisco la libertà di muovermi e di inseguire la mia curiosità; mi lascio attrarre dalle situazioni particolari, dalla gente, dai profumi della natura e del cibo. Viaggiare è vivere l’istinto del momento perché altrimenti che scoperta sarebbe?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *