Musica Maestro! A Modena si celebra Luciano Pavarotti con l’arte

Home Eventi Musica Maestro! A Modena si celebra Luciano Pavarotti con l’arte...
0 Commenti

Annunciato il programma della rassegna di musica e spettacolo che si svolge al Parco della Casa Museo Luciano Pavarotti di Modena, dal 31 agosto al 4 settembre 2021

Inizia il 31 agosto e proseguirà fino al 4 settembre la prima edizione della rassegna Musica Maestro!, promossa dalla Fondazione Luciano Pavarotti in collaborazione con il Teatro Duse di Bologna, che si terrà nel parco della Casa Museo Luciano Pavarotti a Modena.

La rassegna nasce con l’intento di celebrare una ricorrenza molto importante, ovvero il 60° anniversario dal debutto del Maestro Pavarotti. Il 29 aprile 1961 il giovane Luciano si presentò sul palco del Teatro Municipale Valli di Reggio Emilia debuttando come Rodolfo ne La Bohème di Giacomo Puccini; quel giorno segnò la svolta nella vita di Pavarotti e portò alla ribalta del mondo un tenore che ha profondamente segnato la storia dell’opera del secondo Novecento.

Per celebrare questo anniversario tutti gli appuntamenti della rassegna Musica Maestro! guarderanno sia alla carriera di Pavarotti sia al mondo dell’opera più in generale.

Musica Maestro!: programma della rassegna

Il titolo reca in sé un evidente omaggio al “padrone di casa”, ma vuole anche salutare con brio tutti i “maestri musicisti” e i grandi artisti che si esibiranno sul palco modenese.

Martedì 31 agosto 2021 ore 21: IL FLAUTO NEL CINEMA

Il primo appuntamento, intitolato “Il Flauto nel cinema“, vedrà protagonista il flautista Andrea Griminelli che ha affiancato il Maestro, sin da giovanissimo, sui più importanti palcoscenici del mondo per oltre vent’anni. Anche il Maestro Stefano Nanni ha collaborato personalmente con Pavarotti, partecipando alla lavorazione della sua ultima impresa discografica, l’album Ti Adoro.

Mercoledì 1 settembre 2021 ore 21: ITALIA MUNDIAL

Lo spettacolo “Italia Mundial di Federico Buffa farà rivivere l’entusiasmo dell’avventura mondiale della Nazionale di calcio italiana del 1982, un’impresa sportiva entrata nel mito e nella memoria collettiva. Anche questo spettacolo, accompagnato al pianoforte da Alessandro Nidi, ammicca alla carriera del Maestro. Pavarotti, infatti, emozionò i tifosi di tutto il mondo insieme ai colleghi Placido Domingo e Josè Carreras proprio in occasione delle finali dei Mondiali, segnando dal 1990 in poi un nuovo corso della musica lirica che giunse così a folle oceaniche grazie ai concerti de I Tre Tenori.

Giovedì 2 settembre 2021 ore 21: OTELLO DALLA PARTE DI CASSIO

I due appuntamenti successivi saranno reading musicali che propongono una lettura drammaturgica originale dell’opera lirica e delle vicende umane che la ispirano. Alessandro Preziosi, sul palco con Francesco Libetta al piano, racconterà sulle note di Verdi e Rossini il dramma shakespeariano assumendo lo sguardo del fidato amico del Moro in “Otello, dalla parte di Cassio“.

Venerdì 3 settembre 2021 ore 21: DON GIOVANNI, L’INCUBO ELEGANTE

Michela Murgia, nella doppia veste di autrice e interprete di Don Giovanni, l’incubo elegante sarà in scena con Giancarlo Palena alla fisarmonica, per condurre il pubblico in un viaggio inedito attorno all’opera mozartiana e agli archetipi femminili legati al più celebre dei libertini.

Sabato 4 settembre 2021 ore 21: CHE GELIDA MANINA

L’ultimo concerto della rassegna, “Che gelida manina” sarà un omaggio alla memoria di Luciano Pavarotti e verranno ripercorsi, nelle interpretazioni dei giovani cantanti sostenuti dalla Fondazione, gli highlights del repertorio del Maestro con un particolare accento sulle arie della pucciniana Bohème, l’opera prediletta del tenore di cui quest’anno ricorre il 125° anniversario dalla prima rappresentazione. Gli interpreti saranno accompagnati al pianoforte da Paolo Andreoli e dal quartetto d’archi Gocce d’Opera.

Informazioni: www.lucianopavarottifoundation.com

Musica Maestro a Modena: tutte le date della rassegna
CONDIVIDI SU:
Sezioni:
Il nostro motto è “Vivere in una città non vuol dire semplicemente abitarla” e quindi BolognaBO propone aggiornamenti continui per essere parte integrante di quanto ci circonda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *