Palazzo Re Enzo

Nel cuore di Bologna, proprio di fronte alla Fontana del Nettuno e vicinissimo alla Basilica di San Petronio, si trova Palazzo Re Enzo. Scopo iniziale della sua costruzione, fu l’ampliamento del Palazzo del Comune, ovvero Palazzo d’Accursio, che si trova dalla parte opposta della Piazza del Nettuno.

L’uso che poi ne fece il Comune, diede anche il nome al Palazzo. Palazzo Re Enzo, infatti, ospitò per 23 anni un illustre prigioniero, Re Enzo, figlio di Federico II di Svevia, catturato dai bolognesi durante la battaglia di Fossalta. Nonostante Federico avesse cercato di liberare il figlio proponendo un alto riscatto, i bolognesi non acconsentirono, ed Enzo rimase prigioniero nel palazzo fino alla sua morte, seppure con molti privilegi rispetto ai comuni carcerati.

Oggi Palazzo Re Enzo è sede di congressi e mostre, eventi che uniscono il fascino dell’antico alla modernità delle attrezzature di cui la struttura dispone.

Posizione